Al PAN di Napoli si presenta “Napoli In Rivista” di Diego Macario

Al PAN di Napoli si presenta “Napoli In Rivista” di Diego Macario

SHARE

No Banner to display

Si terrà martedì 6 giugno, alle ore 11.00, presso il Museo PAN di Napoli (via Dei Mille, 60),la conferenza stampa di presentazione dello spettacolo “Napoli in Rivista” di e con Diego Macario. All’evento interverranno gli attori Diego Macario, Marianna Liguori, Amedeo Ambrosino e Oscar di Maio; la coreografa Marcella Martusciello; Guglielmo Mirra per Diana Oris snc (Associazione amici dello Spettacolo); Stefano Sannino e Antonio Botta per il MAV e BOOM produzioni. Presenti anche alcune ballerine del corpo di ballo, che si esibiranno portando per la prima volta all’interno del PAN momenti di avanspettacolo e piccoli sketch di “Napoli in Rivista”, regalando agli ospiti tante sorprese! Non mancherà inoltre, un omaggio al grande Antonio De Curtis, in arte Totò in occasione dei 50 anni della sua scomparsa. La figura dell’artista più amato di sempre, sarà ricordata nello spettacolo tra musica e poesia.

Nel corso della conferenza, inoltre, dal Comune di Napoli, che ha rilasciato il patrocinio morale al progetto, giungerà il saluto dell’Assessore Nino Daniele e dell’Assessore Alessandra Clemente.

<<Il nostro spettacolo porta in scena un genere che non si vede più così spesso a teatro, ma che fa rivivere dei meccanismi classici tipici dell’avanspettacolo sempre apprezzati dal pubblico. – ha dichiarato l’attore e regista Diego Macario Attraverso scenette, momenti di balletto e comicità, “Napoli in Rivista” guarda al passato, ma con uno sguardo all’attualità, con contenuti inediti, che chi verrà a teatro vedrà per la prima volta. Lo scopo è far divertire lo spettatore, ma con la tradizione, senza volgarità, far vedere a teatro una Napoli bella, dal volto pulito che sul palcoscenico prende vita e riesce ad emozionare grandi e piccini, vecchie e nuove generazioni. È uno spettacolo per tutti.>>

Diego MacarioNasce a Napoli e inizia a scrivere delle brevi odi e liriche già dall’età adolescenziale, seguendo l’estro del padre (Nicola, ingegnere) e del nonno (Giuseppe, nobile letterato autore di numerosi odi – (1905) tra cui la tragedia “Giuditta”). Si diploma come Geometra e comincia a maturare diverse esperienze lavorative in diversi settori. La sua passione per il teatro nasce sin dal 1998, collaborando anche con professionisti tra cui Nando Paone (1999). Nel 2013 l’incontro con Corrado Taranto, con il quale si è stretto un ottimo rapporto di amicizia e collaborazione, debuttando in alcuni suoi importanti spettacoli. Da maggio 2013 fino ad oggi ha eseguito numerosi spettacoli teatrali (oltre 40) con alcuni nomi importanti del panorama artistico partenopeo, partecipando anche in piccoli ruoli televisivi e cinematografici tra cui: Un posto al sole, L’oro di Scampia (regia Marco Pontecorvo), Il giovane favoloso(regia Mario Martone), La tentazione di essere felice (regia Gianni Amelio). A febbraio 2015 presenta al cinema Plaza di Napoli, e poi successivamente, in concorso, il suo cortometraggio “Un amore d’altri tempi” nato da una propria poesia trasformata poi in sceneggiatura sia teatrale che cinematografica, eseguito in versi recitati e ambientazione all’800. Il 27 luglio 2013 riceve il premio alla carriera e il diploma d’onore, insieme a Corrado Taranto, al salotto culturale della illustre poetessa Tina Piccolo. A settembre 2013 raggiunge il 2° posto al concorso nazionale di video-poesia “Il canto”, con la lirica scritta dal padre Nicola “Ad Eduardo” e dallo stesso Diego interpretato. Dal 2014 gli vengono affidati alcuni ruoli in qualità di direttore artistico, in particolare per l’evento del Forum Universale delle Culture, per le due giornate dedicate alla figura di Toto’ “Finestre sulle stelle” (anno 2014), in collaborazione con la III Municipalità del Comune di Napoli; presso il nuovo teatro San Carlino di Lucia Oreto; presso il teatro Scarpetta di Casoria (Na) di Luciano Medusa (anno 2014/15); organizzatore e direttore artistico della I Rassegna teatrale “Ris-Arte ai Colli”, in collaborazione con l’ass.ne Noi per Napoli del soprano Olga de Maio e il tenore Luca Lupoli, artisti del San Carlo.
A Gennaio 2016, diventa socio, insieme all’attrice e autrice Barbara Bonaccorsi e all’attore Maurizio Rata, con la direzione artistica del regista Gianni Villani, di “NovArt Officine”, con la quale organizza numerosi spettacoli e mette in scena il suo spettacolo “Ma che Rivista”, divertente ed elegante spettacolo di “rivista”, omaggiando il grande Erminio Macario e la famiglia Maggio con la partecipazione dei figli di Beniamino: Elena e Dante Maggio. Ad Aprile 2016 vince il primo premio “PanTeatro festival” presso il teatro Madrearte di Villaricca con il suo testo “Un amore d’altri tempi”, versione teatrale, ed il premio “miglior attore”. Reduce dal precedente spettacolo “Ma che Rivista”, che ha debuttato nella stagione teatrale 2015 al Teatro Bolivar, ricevendo il premio De Magistris, quest’anno l’autore metterà in scena lo spettacolo in due atti: “Napoli in Rivista”. In una rivisitazione, in chiave moderna, dei meccanismi del tipico teatro di rivista.

NESSUN COMMENTO

RISPONDI