Home Territorio Brusciano, chiusura festa dei gigli: bagno di folla per il concerto di...

Brusciano, chiusura festa dei gigli: bagno di folla per il concerto di Enzo Avitabile

164
0
CONDIVIDI

La  142 esima Festa dei Gigli si chiude con il concerto di Enzo Avitabile

Folla dai grandi eventi per la serata conclusiva della 142esima Festa dei Gigli di Brusciano. Grande partecipazione popolare in piazza XI Settembre al concerto di Enzo Avitanile e i Bottari. Una piazza stracolma ha accolto il compositore partenopeo che con il suo ritmo afro-americano ha trascinato il pubblico presente in uno spettacolo unico nel suo genere. Dopo la serata dedicata a la Notte degli Artisti del lunedì promossa dalla Proloco di Brusciano con il patrocinio del Comune, che ha visto protagonisti i giovani artisti emergenti bruscianesi, a deliziare nella serata del martedì la numerosa platea ci ha pensato il maestro del pop partenopeo dai ritmi africani, con la sua musica antica e il canto sacro del compositore e polistrumentista napoletano.  Tanta la soddisfazione e l’ammirazione da parte del primo cittadino Giosy Romano, che in piena sinergia con il parroco del paese Don Salvatore Purcaro, ci ha tenuto a rimarcare l’ottima riuscita della festa:  “Un ringraziamento va in primis alla mia gente per il comportamento ineccepibile dimostrato durante tutti i giorni della kermesse. Un festa che siamo riusciti a rendere più sicura e nel solco delle nostre tradizioni, il tutto grazie alle misure di sicurezza messe in campo come disposto dalla safty security. Un percorso reso possibile soprattutto grazie alla intensa e stretta collaborazione con questura, prefettura, polizia di stato, carabinieri, polizia municipale, croce rossa, protezione civile, ai comitati dei gigli ed in particolare ai dipendenti comunali, che in silenzio e per il bene del nostro paese, ci ha permesso  di non accorrere in nessuna distorsione del sistema. Le telecamere installate per il paese, ci hanno permesso di monitorare in diretta le varie fasi della festa. Ma un grande grazie va a Sant’Antonio, che ci ha messo la ‘spalla’ e sorretti per far si che tutto andasse bene e a riprova, per chi come me è cattolico, il tutto può essere riportato ad un disegno divino che mi ha accompagnato fin dal primo momento, quando in ottemperanza delle direttive imposte dal  prefetto, una volta li davanti a lui sono riuscito a convincerlo che la nostra festa poteva  essere svolta con sicurezza. Una festa, che non poteva chiudersi con i fuochi di artificio che più ci piacciono, quelli determinati dalla ritmica musicale delle canzoni di Enzo Avitabile”. “Mi unisco ai ringraziamenti del sindaco – chiosa Don Salvatore – a tutti coloro che hanno collaborato all’ottima riuscita della festa, che ha fatto registrare una percezione di sicurezza davvero esemplare. Noi dobbiamo recuperare le bellezze del nostro paese, per dare un immagine positiva e reale di Brusciano anche al di fuori. Un particolare plauso e ringraziamento vorrei farlo a Filippo di Pietrantonio l’autore del manifesto della festa di quest’anno, in quanto proprio attraverso questo disegno dove sono sviscerati i simboli della festa, traspare il volto del vero protagonista della festa, che appare come una luce luminosa, il tutto a simboleggiare e a rimarcare che la nostra festa, sia una festa che vada sempre più nel segno antoniano”.