Home No me toques la pelota Caro Higuain, ti prego: se segni contro il Napoli, esulta. L’ipocrisia non...

Caro Higuain, ti prego: se segni contro il Napoli, esulta. L’ipocrisia non serve

CONDIVIDI

Si avvicina la doppia sfida tra gli azzurri e la Juventus

Gentile Gonzalo Higuain, detto il Pipita,

La settimana prossima, per due volte nel giro di pochi giorni tra campionato e coppa Italia, verrai a giocare allo stadio San Paolo contro il Napoli. Indosserai la maglia della Juventus, la squadra dove hai deciso di andare la scorsa estate, la squadra che ha pagato la clausola rescissoria di 90 e più milioni di euro.

Ora, mesi dopo, a campionato virtualmente concluso, possiamo dirlo: avevi ragione tu. Attenzione: hai agito male, tu e il tuo entourage, tu e il presidente De Laurentiis. Ma avevi ragione: ti appresti a vincere il tuo primo scudetto in Italia (per la Champions si vedrà, ma non è questo il punto) e lo stai facendo senza nemmeno sforzarti troppo. A Napoli, l’anno scorso sei stato decisivo (che poi, a pensarci bene, decisivo per cosa? Per il secondo posto? Non fu forse pure quella una stagione “zero titoli”?), sicuramente straordinario (come te nessuno mai, in quanto a gol segnati). A Torino non hai avuto bisogno di straripare: forse vincerai persino la classifica dei marcatori, ma senza distruggere i diretti avversari, senza grandi numeri. Stai facendo un campionato eccellente ma normale, non hai mai avuto bisogno di arrabbiarti coi compagni e con l’arbitro, non hai avuto patemi particolari, nessuno ti considera insostituibile caricandoti di eccessive responsabilità (nonostante la cifra sborsata per comprarti).

Certo, non corri sotto la curva ad emozionarti e cantare dopo ogni partita vinta, ma da quanto si vede esulti spesso e ti diverti lo stesso. Quasi quasi si può dire che ti stai riposando, se non fisicamente, almeno psicologicamente. Sei più sereno e più ricco ed hai arricchito una società, quella azzurra, che nonostante i soldi della clausola prende in considerazione l’idea di vendere Mertens, l’uomo che per una serie di circostanze fortuite ti ha sostituto nel cuore dei tifosi.

Ecco perché non c’è alcun motivo di negarlo: avevi ragione tu. Hai avuto ragione tu. Hai fatto bene.

Chiarito questo, non vedo perché tu debba evitare di esultare in caso di gol al San Paolo (che ovviamente nessuno si augura): non potresti risparmiarci l’ipocrisia? Devi per forza farci assistere alla sceneggiata del giocatore dispiaciuto per la sua ex squadra? Ma che sei, Quagliarella, cresciuto col mito del Napoli e costretto ad andare via sul più bello? Speriamo che Koulibaly ti fermi, speriamo che la tua partita si riduca a poca roba, speriamo che il Napoli surclassi la Juventus, sia domenica che mercoledì.

Ma se ti dovesse capitare di segnare, per favore, esulta: chi sta dalla parte giusta non ha bisogno di essere falso. E di prendere in giro i tifosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here