Home Cronaca Casalnuovo, assessore e consigliere vengono alle mani

Casalnuovo, assessore e consigliere vengono alle mani

419
0
CONDIVIDI

Assessore e consigliere comunale di Casalnuovo si menano e finiscono al pronto soccorso. A scatenare il putiferio il parcheggio nell’area riservata alla sosta delle auto di assessori e ai consiglieri comunali.

L’episodio si è verificato ieri mattina e ha coinvolto l’assessore Biagio Avallone, da marzo nella squadra di governo locale, e Salvatore Errichiello, consigliere comunale di opposizione. Erano all’incirca le 11 quando Errichiello ferma la sua macchina in uno dei posti destinati agli assessori: “Gli altri erano occupati”, si è giustificato. Ciò sarebbe bastato ad accendere la “miccia” che ha poi reso necessario l’intervento della polizia municipale. I caschi bianchi hanno riportato la situazione alla calma, ma ora i due protagonisti della vicenda promettono battaglia in sede giudiziaria. Entrambi sostengono di essere stati vittima di una «aggressione». Avallone ha dichiarato di aver sporto denuncia presso il commissariato della Polizia di Stato di Acerra, Errichiello ha annunciato che lo farà a breve: “Ho parlato con il mio avvocato, appena sarà pronta la depositeremo”. Tutti e due si sono diretti al pronto soccorso dopo la zuffa: quattro i giorni di prognosi refertati a Errichiello, che se l’è cavata con un lieve trauma cranico, un trauma contusivo e delle escoriazioni; Avallone invece riferisce una “rottura del setto nasale”.

Contrapposte le loro versioni sull’accaduto. Avallone sostiene che

Biagio Avallone

non si sia trattato di una lite, ma che sia stato aggredito nell’espletamento delle sue funzioni di assessore nell’ambito del parcheggio del Comune di Casalnuovo, dove c’erano i posti auto degli assessori occupati: “Mi sono fermato – ha raccontato – Parlando con due assessori e il capo settore che erano lì ho chiesto di chi erano le macchine e nel frattempo è sceso e mi ha aggredito senza motivo. Mi ha dato un cazzotto e sono andato in ospedale”. Errichiello, dal canto suo, ha affermato: “L’assessore si è fermato con la macchina dietro la mia. Mi provocava sul parcheggio. Si è avvicinato, minacciava di fare delle multe e

Salvatore Errichiello

mi ha colpito lievemente con la testa toccandomi la fronte. Ho cercato di difendermi, l’avrò graffiato con l’orologio leggermente sulla fronte, mi ha dato un cazzotto su un fianco e nel bloccarlo siamo finiti a terra. Davanti ai vigili ha tentato di riaggredirmi due volte. Un problema, quello dei parcheggi, che avevo già segnalato alla polizia municipale, poi anche altri due consiglieri avevano parcheggiato nel posto degli assessori”. Sarà l’autorità giudiziaria ad accertare come sono andate effettivamente le cose. Per chiarirlo, le telecamere di videosorveglianza potranno fornire un valido contributo, oltre ai testimoni che hanno assistito a quanto accaduto.