Home Territorio Arte & Tempo libero Da Sant’Anastasia ad Amalfi per recuperare la Congrega

Da Sant’Anastasia ad Amalfi per recuperare la Congrega

1606
0
CONDIVIDI

Eventi su eventi, l’associazione «La Via della Bellezza» sta lavorando per recuperare la Congrega di piazza II Ottobre. Alle 17 di sabato (13 maggio), nella Villa dei Sogni ad Amalfi si raccoglieranno ancora donazioni nel corso di una serata in cui il professore Antonio De Simone, archeologo, racconterà ai presenti della presenza dionisiaca nelle ville della Campania.

L’archeologo prof. Antonio De Simone

 Nella straordinaria cornice di Villa dei Sogni, proprietà della famiglia Casillo in via Papa Leone X ad Amalfi, l’archeologo De Simone racconterà di Dioniso, tra le divinità un tempo maggiormente venerate alle pendici del Vesuvio: una delle più famose raffigurazioni si trova nella bellissima Villa dei Misteri a Pompei dove è presente anche un altro affresco, nella Casa del Centenario: proprio lì, con Dioniso rappresentato con un grappolo d’’uva dinanzi ad un rilievo montuoso ricoperto di vigneti e identificato con il vulcano, nasce il forte collegamento con il vesuviano, pur con descrizioni incerte e frammentarie. Ma tracce dionisiache, come racconterà De Simone, si ritrovano in molte ville della Campania.

Nel corso della serata, Francesco Esposito canterà alcune cover.

L’affresco del 1500 nella Congrega di piazza II Ottobre (piazza Trivio)

Intanto è attualmente possibile, e lo sarà per poco meno di cinquanta giorni ancora, la possibilità di contribuire con un clic al progetto messo in campo dall’associazione «La Via della Bellezza»: il recupero dei locali della congrega di piazza II Ottobre (già piazza Trivio). Occorrono 18mila euro per trasformarla in un presidio artistico culturale permanente che migliori la vivibilità di Sant’Anastasia, dove ideare eventi e insediare laboratori artistici e valorizzare i talenti e le capacità dei giovani stimolando la loro partecipazione alla vita sociale.

 Sul sito web www.laviadellabellezza.org si può sapere qualcosa in più circa gli eventi realizzati, i progetti e le finalità ma intanto, per contribuire direttamente al recupero di una ricchezza del territorio, come già hanno fatto in molti (ad oggi i donatori sono 175) basta collegarsi al sito di «Meridonare», piattaforma di crowdfunding sociale meridionale, figlia della Fondazione Banco Napoli, che promuove le migliori idee del mezzogiorno e sostiene progetti sociali, culturali e civici che, grazie alla forza del web e della solidarietà, possono raccogliere le necessarie risorse non solo economiche per essere realizzati.

Si può contribuire direttamente al progetto dal seguente link: https://www.meridonare.it/progetto/bellezza-bisogno-primario-dell-uomo