Il Comune di San Giuseppe Vesuviano tra i partecipanti al premio IRA...

Il Comune di San Giuseppe Vesuviano tra i partecipanti al premio IRA 2016

SHARE

No Banner to display

Riconosciuta la validità delle azioni in materia ambientale e di sviluppo sostenibile.

Arriva un importante riconoscimento per il Comune di San Giuseppe Vesuviano selezionato, tra le città aderenti al Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, per partecipare al premio IRA – Italian Resilience Award – grazie alle politiche ambientali adottate sino ad oggi ed agli sforzi compiuti in materia di sviluppo sostenibile e per star attuando politiche vicine al concetto di resilienza, capaci, dunque,di intercettare i cambiamenti e di innescare percorsi di transizione e adattamento all’insegna della condivisione.

Il Comune di San Giuseppe Vesuviano, già aderente all’associazione Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, costituita da Regioni ed enti locali che si attivano per migliorare la gestione dell’ambiente e per fare dello sviluppo sostenibile un passo verso un futuro più equo, è stato, difatti, inserito nella pubblicazione dei partecipanti al premio IRA 2016.

Il premio IRA – Italian Resilience Award – ideato da Primaprint e Kyoto Club, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, ANCI, Coordinamento delle Agende 21 Locali e Borghi Autentici d’Italia, si propone di dimostrare come l’idea di sharing economy sia strettamente connessa al concetto di resilienza, ovvero alla capacita di ottimizzare risorse ed energie nelle situazioni di stress e crisi ambientali, facendo emergere quelle realtà territoriali e industriali che meglio riescono a interpretare i cambiamenti ecologici, sociali ed economici in corso attraverso un approccio propositivo.

Nel caso di San Giuseppe Vesuviano, la partecipazione è stata fondata su tre azioni originate del progetto complessivo “Io amo la mia città San Giuseppe Vesuviano”. La misura “Scuole ed ambiente” coinvolge le scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio in un programma di formazione a 360 gradi sull’ambiente e, per quanto riguarda le scuole secondarie, si sviluppa in un percorso di alternanza scuola-lavoro nel cui ambito gli studenti formati diventano tutor a supporto dell’attività del progetto nelle altre scuole.  Le misure “Family card” ed “Io amo la mia città”, invece, sono invece rivolte a tutti i cittadini ed alle attività commerciali presenti sul territorio. In parte già concretizzate, prevedono, per il prosieguo, la consegna ai cittadini di una card che consente di acquisire punti per le azioni virtuose messe in campo ed una nuova campagna di informazione e sensibilizzazione.

NESSUN COMMENTO

RISPONDI