«Il Regno di Napoli» Bike Packing: a giugno la Campania viaggia su...

«Il Regno di Napoli» Bike Packing: a giugno la Campania viaggia su due ruote

SHARE

No Banner to display

Un percorso ciclistico naturalistico culturale che vuole mostrare a tutti coloro che parteciperanno, italiani o stranieri, che la Campania gode di parchi regionali e oasi protette immerse in un contesto storico culturale antichissimo e unico nel suo genere. Un’avventura senza precedenti, una sfida contro se stessi. Il progetto parte dall’associazione sportiva dilettantistica «The Movers» con sede a Pomigliano d’Arco, non c’è classifica e non ci sono premi ma solo sport e passione. «Ho creato questo viaggio “avventura” in bicicletta – dice il presidente dell’associazione Gaetano Iovino -perché la passione della bici è altissima e propensa allo sviluppo nella propria regione. È un tipo di turismo che si sta sviluppando in tutta Italia e la ragione principale è che a me come a tanti piacerebbe vivere in un luogo ecosostenibile e credo che la bicicletta sia un ottimo inizio». Le iscrizioni sono aperte fino al 1 maggio 2017 e per le info ci si può collegare al sito www.ilregnodinapolibikepacking.com

 

The Movers è una Associazione Sportiva fondata nel 1997 da un gruppo di giovani atleti che fin dall’inizio hanno sostenuto passioni sportive. Si impegna nella promozione e nello sviluppo della Mountain Bike, Pattinaggio in linea, Pattinaggio Artistico, Free Style, Skateboard, nell’ambito delle Federazioni Sportive Nazionale e con gli Enti di Promozione Sportiva. The Movers opera nel Centro Sportivo «Antonino Caponnetto» di Pomigliano D’Arco, impianto sportivo realizzato dal Comune.

«Crediamo fortemente nella promozione e nella diffusione di questi sport – dice Iovino – e abbiamo dei valori fondamentali, quali la socializzazione, il confronto, la sana competizione, il rispetto dell’ambiente. Il continuo organizzare gare e manifestazioni, fa sì che le attività sportive crescano e si diffondano sia come sport agonistico, ove gli atleti possano arrivare alla massima competizione al passo con gli altri stati europei, sia come fitness, ove chiunque, giovane e meno giovane, possa accedere a questo sport senza tanta fatica ma con divertimento, come è giusto che sia».

Il progetto «REGNO DI NAPOLI BIKE PACKING», è l’attraversamento di una parte della Campania in Mountain Bike, questa idea nasce proprio da Gaetano Iovino, appassionato ciclista e di viaggi in bicicletta. Tutto nasce nel 2011 quando Gaetano, preso dalla passione e innamorato dell’idea di voler sperimentare nuove avventure, parte con la bici da Bolzano e arriva dopo 6 giorni a Donaworth paese della Germania, per un viaggio complessivo di Circa 1000 km in solitaria. L’itinerario è la famosa via Claudia Augusta fatta dall’Imperatore Romano Augusto e che oggi con un accordo tra Italia, Austria e Germania è diventata la Ciclovia più famosa e frequentata d’Europa. Da quel giorno per Gaetano si sono aperti nuovi orizzonti e un modo diverso di concepire la bicicletta, sognando un giro simile in Campania, dimostrando la sua infinita bellezza. Nel maggio 2014 partecipa alla prima edizione della Tuscany Trail, l’attraversamento della Toscana, partendo da Massa fino a Capalbio per un giro di circa 650 km e più di 6000 metri di dislivello. Da lì nasce l’idea di portare un evento del genere anche in Campania.

Il Regno di Napoli è un viaggio avventura che consentirà ai partecipanti di essere a stretto contatto con la natura, scoprendo luoghi non sempre facilmente raggiungibili ma soprattutto la voglia di importare un nuovo concetto di sport «l’Adventure Bike Packing», dove non si gareggia contro un avversario ma solo contro se stessi.Il Regno di Napoli Bike Packing non è una gara, non c’è nessun tipo di supporto da parte dell’organizzazione, né ci sono premi o classifiche ma è un’opportunità straordinaria che consentirà di conoscere la Campania e le sue straordinarie peculiarità. È a tappa unica, ciò significa che il cronometro parte all’inizio del percorso e si ferma solo all’arrivo. Non ha un tempo limite: ogni partecipante avrà ampia libertà nel programmare il percorso, essendo però tenuto a seguire fedelmente la traccia che verrà fornita.Non sono consentiti tagli di alcun genere, e nel caso in cui ci si dovesse allontanare dal tracciato originale, si dovrà riprenderlo dal punto in cui è stato lasciato. «Lungo il percorso – spiega Iovino – ci saranno alcuni controlli ma il vero obiettivo del Il Regno di Napoli Bike Packing è vincere la sfida con se stessi e truffare non ha alcun senso. Il partecipante infatti dovrà dimostrare di aver percorso il tracciato inviando la propria traccia GPS alla mail che verrà comunicata al momento dell’iscrizione. Ogni partecipante dovrà affrontare il viaggio in totale autonomia, dovrà quindi decidere quando e dove mangiare e quando e se dormire e potrà usufruire solamente delle strutture che si trovano lungo il percorso o in prossimità di esso. Durante i giorni che impiegherà per arrivare a destinazione non ci sarà alcun supporto da parte dell’organizzazione e quindi dovrà risolvere autonomamente ogni inconveniente».

IL PERCORSO Il Regno di Napoli Bike Packing si svilupperà su strade bianche, strade ciclabili, strade asfaltate a scarsa percorrenza e sentieri CAI, attraverserà luoghi ricchi di storia e paesaggi sorprendenti.La partenza collettiva sarà il 2 Giugno 2017 dal Parco Nazionale del Vesuvio. Luogo magnifico per la sua bellezza, dove si potrà ammirare la maestosità del vulcano più attivo d’Europa e la riserva della biosfera del parco Nazionale del Vesuvio. Una volta partiti dal parco nazionale del Vesuvio si va in direzione della città di Terzigno, altro sito interessante per la produzione del famoso vino Lacrima Cristi. Ci si dirige verso la città di Palma Campania dove si prenderà un sentiero della pineta Tribucchi per dirigersi verso l’oasi del Wwf di Pannarano. L’idea è di attraversare tutto il Parco Regionale del Partenio fino alla valle di Maddaloni passando per l’acquedotto Carolino che condurrà al Borgo Antico di Caserta Vecchia. Poi, i monti Tifatini fino a san Leucio, l’antichissima sede dei Borboni un esempio di perfezione industriale con i suoi tessuti di seta. Ammirate le opere architettoniche dei borboni si attraverseranno i boschi della regina dove Re Ferdinando amava passeggiare con la moglie Maria Carolina. Si giungerà al ponte di Annibale sul Volturno, la direzione è l’alto casertano attraversando il comune di Giano Vetusto alle antiche rovine del castello di Vairano Patenora. Il percorso continuerà in direzione di Pastorano vicino al confine con il Molise. Ancora si pedalerà in direzione del parco regionale di Roccamonfina dove si potranno visitare le Campate del Diavolo, antiche impronte preistoriche, e il cratere vulcanico spento di Roccamonfina. Ad attendere i partecipanti, l’ultima montagna, una cresta di origine calcarea affacciato sulla costa di Mondragone e Baia Domizia, il modesto massiccio calcareo del Monte Massico, che culmina a 813 metri sul livello del mare. Da lì si scende verso la pianura di Castel Volturno nel bellissimo Eco parco del Mediterraneo, oasi protetta spettacolare con bellissimi cottage e tanti laghi. Esteso su circa 100 ettari e circondato completamente dalla natura e da due laghi, di cui uno grande 100.000 mq ed entrambi fitti di vegetazione e popolato dalle specie animali più sorprendenti, tra pesci di acqua dolce e uccelli palustri.

Filosofia del Viaggio Sulla scia del primo evento di bikepacking in Italia, il Tuscany Trail 2014, tanti altri sono sorti in ogni regione d’Italia, frutto di passione e grande volontà di uomini e donne semplicemente appassionati di questo sport-avventura. Sono eventi che richiamano Bikers da tutta Italia, si vive il territorio metro dopo metro nel rispetto della natura. Sarà possibile affrontare impervi sentieri di montagna e dormire con la tenda in mezzo al bosco come sarà possibile dormire comodamente in Hotel, B&B, e masserie…

 

NESSUN COMMENTO

RISPONDI