Home Cronaca Attualità «Ludopatia e nuove dipendenze» al Centro Studi del Santuario di Madonna dell’Arco

«Ludopatia e nuove dipendenze» al Centro Studi del Santuario di Madonna dell’Arco

CONDIVIDI

Alle 18 di questa sera, venerdì 12 maggio, si terrà al Centro Studi Religiosità Popolare un convegno sul tema della dipendenza dal gioco, un’emergenza drammatica nella società odierna. Tra i relatori ci sarà don Maurizio Patriciello.

«L’idea di parlare di questo tema, portando all’attenzione dei più la drammatica problematicità, è nata ascoltando le persone, tante – dice padre Gianpaolo Pagano, direttore del Centro Studi Arco che presiederà e coordinerà l’incontro – è significativo che da un luogo come Madonna dell’Arco, meta di pellegrinaggio, devozione popolare e preghiera, sia possibile avere la misura, direi il termometro, dei problemi sociali dei nostri tempi».

padre Gianpaolo Pagano
Il rettore del Santuario di Madonna dell’Arco, padre Alessio Maria Romano

È un religioso, padre Gianpaolo, ma sa bene che per problemi spesso gravi le soluzioni dipendono dagli uomini e non solo dal cielo. «Il problema di queste dipendenze è che le persone ne parlano difficilmente agli altri, anzi spesso non se ne rendono conto, rimandano magari fin quando si arriva alla disperazione e finalmente ne prendono coscienza – dice- invece gli uomini possono far tanto, la Chiesa può far tanto: innanzitutto ascoltando e comprendendo i drammi alla base di tali dipendenze. Poi bisogna però difendere e curare chi questi problemi li vive sulla sua pelle e qui ci sono, o dovrebbero esserci, le istituzioni. Con politiche di contrasto al gioco d’azzardo e di dissuasione dalla sua pratica. Curare spetta agli specialisti perché ogni forma di dipendenza è una patologia e come tale va affrontata, come una malattia che attacca però la personalità e i comportamenti».

L’assessore Rossella Beneduce (politiche sociali)

All’incontro saranno presenti padre Alessio Romano, rettore del Santuario e il sindaco di Sant’Anastasia Lello Abete. Gli interventi saranno affidati a Saveria Giordano (psicoterapeuta cognitivo comportamentale), Pasquale Annunziata (dirigente sanitario del distretto 51 Pomigliano- Sant’Anastasia), Francesco Cassese (dirigente sanitario del SerT distretto 51 Asl Na 3 Sud), Antonio Cleopatra (direttore Ambito Sociale Pomigliano- Sant’Anastasia), Rossella Beneduce (assessore alle politiche sociali del Comune di Sant’Anastasia) e, infine, a don Maurizio Patriciello, parroco di San Paolo apostolo a Caivano e noto soprattutto per le sue lotte contro l’inquinamento ambientale.

L’evento voluto dai domenicani segue di pochi giorni un convegno organizzato, dall’assessorato alle politiche sociali del Comune di Sant’Anastasia in tandem con l’Asl Na 3, per annunciare l’apertura di un centro di ascolto per il gioco d’azzardo patologico.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here