Mauri, artista anastasiano tenuto a «battesimo» da Vittorio Sgarbi per il contest...

Mauri, artista anastasiano tenuto a «battesimo» da Vittorio Sgarbi per il contest internazionale Nowart

SHARE
Vittorio Sgarbi con Pasqualino Mauri

No Banner to display

Vittorio Sgarbi con Pasqualino Mauri a Bergamo, dinanzi all’opera che ritrae il Santuario della Madonna dell’Arco

Trentasei anni a gennaio prossimo, Pasqualino Mauri dipinge da sempre. Autodidatta, ha poi frequentato laboratori sperimentali per affinare la sua tecnica pittorica. Poche settimane fa, partecipando al ciclo di mostre Nowart presso InArte Werkknust Gallery a Bergamo, la sua opera «Santuario della Madonna dell’Arco», che ritrae appunto il convento Mariano di Sant’Anastasia, ha ottenuto la firma del critico d’arte Vittorio Sgarbi sulla scheda tecnica, unico artista oltre al curatore e gallerista, ad averne l’onore. L’opera è attualmente esposta nell’aula polifunzionale del Santuario dove è in corso l’esposizione natalizia nell’ambito del Natale Mariano.

«Ho sempre visitato musei, ovunque mi trovassi – racconta Pasqualino Mauri – ho partecipato a mostre e progetti artistici, sempre da spettatore, come se volessi misurarmi, darmi il tempo per crescere, coltivare il mio tratto pittorico alla ricerca di una visione armonica della natura e dei suoi elementi». Insomma, una passione che appartiene da sempre all’artista nato e vissuto a Sant’Anastasia, quasi covata e celata anche a sé stesso, poi approfondita da costanti studi da autodidatta.

Alcune delle sue opere, in attesa della prima «personale», sono attualmente esposte nell’aula polifunzionale del Santuario di Madonna dell’Arco dove è in corso l’esposizione natalizia nell’ambito della kermesse «Natale Mariano» organizzata dall’associazione «Girando Intorno al Vesuvio» di Candida e Marinella Gifuni con il placet e la collaborazione del priore dei domenicani, padre Alessio Romano. Proprio una di queste opere, quella che ritrae il convento Mariano, è stata recentemente apprezzata, e la sua scheda tecnica firmata, dal professore Vittorio Sgarbi, noto critico d’arte. Un onore che arriva alla prima mostra internazionale per Mauri, in un contesto di pregio per tutti gli artisti che, oggi, vogliano avere sia un arricchimento del proprio curriculum, sia una posizione nel mercato dell’arte.

NESSUN COMMENTO

RISPONDI