Nola, stop agli stipendi per i lavoratori di Medicina futura. L’azienda: “L’Asl...

Nola, stop agli stipendi per i lavoratori di Medicina futura. L’azienda: “L’Asl non paga”

SHARE
Fonte foto: internet

No Banner to display

Medicina Futura blocca il pagamento degli stipendi ai lavoratori impiegati nel centro polidiagnostico di Nola e nelle due cliniche Ios di Pomigliano.

“Una serie di intoppi e cavilli burocratici nell’ufficio finanziario Asl Napoli 3 Sud hanno determinato una mancanza temporanea di liquidità per le due società”, questo il motivo dell’interruzione nei versamenti dei compensi indicato dall’azienda. Secondo quanto ha riportato in una nota ufficiale, l’Asl deve ancora versargli saldi e acconti per gli anni 2015 e 2016, oltre che l’acconto per l’anno 2017. “Una situazione intollerabile e sempre più difficile da sostenere”, tuona il gruppo. “Nonostante le promesse mantenute dalla Regione Campania che ha investito importanti risorse finanziare nel settore sanitario”, sottolinea. Medicina Futura inoltre annuncia: “Se la situazione dovesse protrarsi nel tempo non sono esclusi ulteriori provvedimenti, tra cui il ricorso alla Corte dei Conti”. Per far fronte a tale problema si sta dialogando con i sindacati: “Di comune accordo si stanno valutando le migliori strategie da intraprendere per uscire dalla situazione di empasse”. Nuovi disagi si presentano quindi per i lavoratori, a distanza di nove mesi da quando decine di essi, tra coloro che sono operativi nelle cliniche di Pomigliano, rischiarono di perdere il posto di lavoro: “Nel 2016 – ricorda l’azienda – si riuscì a scongiurare, insieme ai sindacati e grazie ad un’importante sforzo economico della famiglia Improta, il licenziamento di parte della forza lavoro impiegata siglando un accordo di solidarietà per le due cliniche Ios”.

 

NESSUN COMMENTO

RISPONDI