Home Comunicati Stampa Pomigliano d’Arco: Inizia il Progetto socio-culturale “La Musica è Salute

Pomigliano d’Arco: Inizia il Progetto socio-culturale “La Musica è Salute

132
0
CONDIVIDI

 

Benessere Psicofisico” con l’Associazione  “The Guitar School”.

Una onda musicale si estende dalla pomiglianese Associazione “The Guitar School” in Via Mazzini n. 57 per il territorio circostante e si irradia terapeuticamente per i Comuni di Pomigliano d’Arco, Castello di Cisterna, Casalnuovo, Brusciano, e Marigliano le cui rispettive Amministrazioni Comunali hanno patrocinato moralmente, insieme all’Ente Regione Campania,  il Progetto “La Musica è Salute. Benessere Psicofisico”. Essi non compartecipano al sostegno del progetto, così come gli Istituti d’Infanzia e delle Primarie che mettono solo a disposizione le proprie aule per la terapia.

Questo progetto che inizia il 10 Ottobre organizzato dalla suddetta associazione con il musicoterapista, Domenico Manna, è svolto in collaborazione con: Fondazione Govoni, per lo studio e la cura di autismi e disturbi della comunicazione, sede di Napoli; Associazione Alba e Consorzio Aurora, entrambi di Brusciano. Ampio materiale informativo è stato distribuito nelle Scuole dell’Infanzia ed in quelle Primarie a presentazione degli obbiettivi dei corsi proposti e che vengono svolti nella sede associativa di via Giuseppe Mazzini, n. 57 a Pomigliano d’Arco. Ulteriori esaurienti informazioni si trovano sul sito www.theguitarschool.it.

Le attività contemplate dal progetto vengono svolte dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle ore 12.30, il martedì dalle 16.00 alle 20.00. La musicoterapia impiega la tecnica della risonanza corporea che nasce dalla sonorità di strumenti, pianoforte, chitarra, percussioni, quali mezzi di privilegiati di comunicazione e di innesco relazionale tra il terapeuta ed il soggetto. Il corso è rivolto a bambini e ragazzi normodotati e/o con grave deficit motorio, cognitivo, sensoriale, affettivo e di integrazione sociale, con autismo, con sindrome di Down. Il progetto è totalmente gratuito per i bambini, ragazzi e famiglie dei soggetti con deficit psicofisico e si articola in una seduta alla settimana per un periodo che varia, a seconda dei casi, da 4 mesi a 8 mesi, nel corso dell’intero anno scolastico.

Il progetto auspica l’intensificarsi di una rete di comunicazione con “Scuola-Famiglia-ASL-Comune (Servizi Sociali). Per favorire una reale integrazione è necessaria una collaborazione interistituzionale. Attraverso questa abbiamo potuto approfondire la nostra conoscenza e lavorare in modo sempre più proficuo, per condurre insieme un percorso d’intervento condiviso e sempre più attento ai bisogni dei bambini disabili” come è scritto sul sito http://www.fondazionegovoni.it/2725-2/.