Home Sociale Osservatorio Sociale Premio Amato Lamberti. È ancora possibile inviare tesi

Premio Amato Lamberti. È ancora possibile inviare tesi

CONDIVIDI

Sono in tanti a inviare lavori all’Associazione dedicata al Sociologo Amato Lamberti. La Commissione, ha così deciso di prorogare la data di scadenza fino al 30 aprile.

In seguito alla decisione del Comitato scientifico, è ancora possibile inviare opere per concorrere alla vincita del Premio Nazionale Amato Lamberti. La data, infatti, è stata prorogata al 30 aprile. Sarà così ancora possibile inviare la propria tesi di laurea inerente al tema “Le Mafie, tra territori ed economie globali”. L’appuntamento sarà per il 15 giugno, presso il Palazzo San Giacomo di Napoli ma intanto è possibile seguire gli aggiornamenti sulla fan page ufficiale di facebook “Associazione Amato Lamberti”, uno spazio virtuale che negli ultimi temi sta crescendo sempre di più, a dimostrazione del fatto che il compianto Sociologo resta ancora un simbolo forte non solo per chi lo ha conosciuto ma anche per tutti coloro che intendono informarsi su quelle che furono le analisi e le idee elaborate da Lamberti, dati ancora oggi preziosi per chi intende sviluppare progetti volti a creare una realtà migliore.

Regolamento del Premio Nazionale Amato Lamberti. L’Associazione Amato Lamberti bandisce un concorso per l’assegnazione del premio di € 1000,00 ad una tesi di Laurea o di Dottorato che sia inerente al tema “Le Mafie, tra territori ed economie globali”. Potrà essere proposto un lavoro di tesi di laurea di Vecchio Ordinamento, Laurea Specialistica (o Magistrale) e di dottorato, elaborato in qualsiasi università italiana o estera. I partecipanti dovranno far pervenire entro il 15 aprile (fa fede il timbro postale) l’elaborato in duplice copia a ASSOCIAZIONE AMATO LAMBERTI, presso Dipartimento di Scienze sociali, Università Federico II, vico Monte della Pietà 1, Napoli, attraverso una raccomandata, specificando che l’opera concorre al “Premio Nazionale Amato Lamberti”. Se l’eventuale file dell’opera è di dimensioni contenute sarà possibile inviare il lavoro tramite e-mail all’indirizzo contact@associazioneamatolamberti.it .

Il lavoro controfirmato con nome e cognome dell’autore dovrà essere accompagnato da una documentazione in cui saranno riportate le seguenti informazioni: i) Identificazione dell’autore (nome e cognome, recapiti telefonici, e-mail) e data. ii) Domicilio e numero di Carta di Identità o passaporto o qualsiasi altro documento ufficiale di identificazione. iii) Dichiarazione del carattere originale dell’opera che si presenta. iv) Dichiarazione della piena titolarità dei diritti dell’opera da parte dell’autore. v) Dichiarazione di accettazione da parte dell’autore di tutte le condizioni stabilite dal Comitato Scientifico del Premio.

L’Associazione Amato Lamberti terrà informati i partecipanti attraverso comunicati stampa, tramite il proprio sito web e social fan page. La partecipazione al concorso implica l’accettazione delle seguenti condizioni: 1. L’assenso del partecipante alla divulgazione dell’opera presentata, qualora essa risulti vincitrice o finalista del Premio. 2. La garanzia da parte del partecipante, che solleva da qualsiasi responsabilità l’Associazione Amato Lamberti, della titolarità e originalità dell’opera presentata e inoltre che essa non sia copia o modificazione totale o parziale di altra opera propria o altrui. 3. Non potranno partecipare al concorso opere già proposte alla prima edizione del Premio Amato Lamberti.

La presentazione dell’opera di per sé garantisce l’impegno da parte dell’autore a non ritirarla dal concorso. Il conferimento del Premio sarà deliberato dalla Commissione Scientifica: Presidente Dott. Franco Roberti, Procuratore Nazione Antimafia Dott. Nino Daniele, Assessore alla cultura del Comune di Napoli Prof. Enrica Amaturo, Università Federico II Prof. Gabriella Gribaudi, Università Federico II Prof. Giuseppe Acocella, Università Federico II Prof. Luciano Brancaccio, Università Federico II Prof. Isaia Sales, Università Suor Orsola Benincasa Dott. Arnaldo Capezzuto, Giornalista .

La proclamazione del vincitore e la consegna del premio avverranno nella sala della giunta di Palazzo San Giacomo, Napoli, il 15 giugno 2015, ore 12.00.

OSSERVATORIO SOCIALE