Home No me toques la pelota Punto perso al San Paolo. Sia per il Napoli che per l’Inter

Punto perso al San Paolo. Sia per il Napoli che per l’Inter

103
0
CONDIVIDI

È mancato il guizzo di Mertens ed abbiamo fatto la conoscenza con uno schema flop.

Se la Juventus dovesse vincere il suo ennesimo scudetto (nemmeno ricordo più a quanto sta e Google in caso del genere conviene lasciarlo a riposo, così uno non si intossica) quest’anno lo farebbe all’ultima giornata, con molta sofferenza e fatica. Non è sicuro, chiaro. Ma assai probabile. Ce lo fa supporre lo 0 a 0 tra Napoli ed Inter, insieme a molti altri segnali che arrivano dal campionato di serie A. Segnali che indicano un generale equilibrio ed una certa pericolosità di alcune squadre.

Il punto è un altro: può un tifoso non juventino accontentarsi di aver reso difficile la vita ai zebrati e basta? Nel palmares, tra qualche decennio, leggeremo il nome della squadra scudettata, non di quella che giocava meglio e incantava. È un discorso già affrontato in questa rubrica: il Napoli ed i napoletani devono essere fieri di questo affascinante sistema di gioco, ma dopo anni di rodaggio possono pure pensare di poter vincere lo scudetto. Ecco perché il pareggio di Napoli non è un punto guadagnato: non lo è per gli azzurri ma nemmeno per l’Inter, che ha fermato la capolista ma ha anche perso l’occasione di sorpassarla, considerando che per due volte si è trovata nelle condizioni di segnare.

Dopodiché, da uno che fa gol come quelli contro la Lazio – e ci riferiamo chiaramente a Mertens – ti aspetto lo scavetto davanti ad Handanovic, invece del tiro forte e dritto. Lo scavetto non c’è stato e ora tocca accontentarsi. Così come a Sarri tocca fare i conti con la realtà di uno schema miseramente fallito, pur provato più volte in partita: Callejon e Ghoulam che si sistemano entrambi presso la bandierina per tirare i calci d’angolo. Two is meglio che one, diceva una vecchia pubblicità (come passa il tempo!). Ma nel caso del corner è davvero così? Oltre a farsi compagnia, i due non hanno prodotto calci d’angolo pericolosi. Inventiamoci qualche altra cosa, professor Sarri