Home Cronaca Quando il mare diventa un nemico: quattro morti annegati tra Campania e...

Quando il mare diventa un nemico: quattro morti annegati tra Campania e Toscana

CONDIVIDI

Un vero e proprio incubo. Il mare ha inghiottito un51enne a Salerno, una 18enne ad Ischia ed un 31enne a Sorrento. In Toscana invece un 50enne senegalese è rimasto vittima di una mareggiata.

Tragedia del mare a Castellabate (Salerno): un 51enne è annegato nel tentativo di salvare la figlia. La vittima, Angelo Ferraioli, di Nocera Inferiore (Salerno), è morto questa mattina davanti all’approdo del ristorante “Le Gatte”, frazione Santa Maria di Castellabate, nel tentativo di soccorrere la figlia sedicenne in difficoltà a causa delle proibitive condizioni del mare. La giovane è stata tratta in salvo da alcune persone.
A Sorrento, invece, un giovane di Somma Vesuviana (Napoli), Agostino Navarro,di 31 anni è annegato nelle acque della Regina Giovanna tra la spiaggia della Solara e quella della Pignatella, in località Capo di Sorrento. (leggi qui).

Ed ancora a Ischia una napoletana di 18 anni, Alessia Piatti, per cause ancora da chiarire è annegata nelle acque di Cava dell’isola, a Ischia. Il suo corpo è stato ritrovato al largo della limitrofa spiaggia di Citara.

E’ stata la mareggiata della notte scorsa a trascinare via l’uomo che si era tuffato in mare e che è scomparso, annegando, a Castiglione della Pescaia (Grosseto) e di cui è stato ritrovato il cadavere sulla spiaggia circa 3 chilometri dopo, lungo la costa. La vittima è un senegalese di 50 anni, che, da quanto appreso, si sarebbe voluto tuffare lo stesso, per un bagno notturno, nonostante le difficili condizioni del mare lo sconsigliassero. Dopo qualche minuto, è scomparso tra le onde. Sono stati gli amici, altri extracomunitari che abitano nella zona, a dare l’allarme e far scattare le ricerche che hanno proseguito dalla notte fino al ritrovamento di stamani, sulla spiaggia più a sud, tra Castiglione e Marina di Grosseto. Per le ricerche si sono mobilitati bagnini, guardia costiera e vigili del fuoco. Ora, ritrovato il corpo, lo specchio di mare dove si stavano svolgendo le ricerche, che era stato chiuso alla balneazione, è tornato disponibile poiché il divieto è stato revocato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here