Salumificio Spiezia, nuova protesta dei lavoratori: “l’azienda chiude”

Salumificio Spiezia, nuova protesta dei lavoratori: “l’azienda chiude”

SHARE

No Banner to display

Sono rimasti a protestare fino a poco fa i lavoratori del salumificio Spiezia di San Vitaliano. Stamattina l’azienda gli ha comunicato che da lunedì sarà avviata la procedura di cessazione dell’attività.

Non sono andate a buon fine le trattative che erano in corso con alcuni investitori. Un dramma per il territorio: una realtà secolare chiude e per i circa novanta dipendenti della fabbrica per ora all’orizzonte si intravede solo la mobilità. La crisi in cui è caduta l’azienda – produttrice di salumi dal 1907 – non permette ai lavoratori di percepire uno stipendio da un paio di mesi. La produzione è ferma da circa un mese: servono soldi per farla ripartire. Oggi, alla notizia della cessazione dell’attività, le speranze sono crollate un po’ per tutti. I lavoratori si sono riversati in strada e hanno occupato la strada antistante lo stabilimento. Sono rimasti in presidio per ore. «L’azienda stamattina ci ha comunicato che l’ultima trattativa in corso è fallita. Lunedì comincerà la cessazione dell’attività, faranno la comunicazione agli operai e alle segreterie dei sindacati. Ci dovremmo poi sedere a un tavolo per le trattative sulla mobilità: ci vorranno 45 giorni per raggiungere un accordo, poi si parte col licenziamento collettivo», ha riferito Francesco Tullio, che in fabbrica rappresenta i lavoratori iscritti al sindacato Uil.  «Abbiamo chiesto alle istituzioni, al sindaco, di convocare un tavolo istituzionale alla Regione e al Ministero dello sviluppo economico», ha aggiunto. Ha ribadito, inoltre, che per rimettere in moto il Salumificio c’è bisogno di soggetti interessati a investire denaro: «Servono almeno 5 milioni di euro per far ripartire la macchina». In attesa di sviluppi, i lavoratori hanno deciso che continueranno a scendere in strada: per lunedì è prevista una nuova protesta davanti alla fabbrica, per martedì invece si sta pensando di organizzare un blocco della Strada statale 7bis.

NESSUN COMMENTO

RISPONDI