Sant’Anastasia, gli alunni della Tenente Mario De Rosa piccoli «giornalisti» per intervistare...

Sant’Anastasia, gli alunni della Tenente Mario De Rosa piccoli «giornalisti» per intervistare gli imprenditori

SHARE

No Banner to display

 Il I istituto comprensivo «Tenente Mario De Rosa» diretto da Maria Capone in un progetto che mira a valorizzare la coerenza, la costanza, la caparbietà nel perseguire e raggiungere obiettivi: «Viaggio nel paese, intervista agli imprenditori del nostro territorio», è il nome dell’iniziativa che ha coinvolto circa 100 alunni delle classi 4^ di scuola primaria divisi in sei gruppi. La proiezione delle interviste avverrà alle 18 di domani, venerdì 3 febbraio, alla sala conferenze della Casa del Pellegrino, nella cinta del Santuario di Madonna dell’Arco.

«I piccoli giornalisti sono andati ad intervistare imprenditori di Sant’Anastasia che danno lavoro a tante persone sul territorio, scegliendo tra i più noti nella loro attività in certi casi proseguita e tramandata grazie ai loro figli» – spiega Nunzia De Falco, docente responsabile del progetto al quale hanno collaborato le docenti Rosalba Abete, Marinella Aliperta, Bernadette Carotenuto, Nadia D’Avino, Giovanna De Rosa, Mariarosaria Iorio, Anna Patrizia Romano e Annnamaria Scala. Riprese e montaggio portano la firma di Flaminio Stanislao e Mariagrazia Ciccarelli.

I cronisti in erba hanno preparato domande, esternato curiosità, visitato il luogo di lavoro per capire meglio cosa fanno e chi sono gli imprenditori scelti: un tuffo nella tradizione casearia con Enrico Amodio, nel settore della ristorazione e dell’accoglienza con Salvatore Leonessa, nel mondo degli infissi, dei serramenti e di molto altro con la famiglia Aliperti (Mastu Vit e le sue figlie), in quello dell’imprenditoria e del cash & carry con Luigi e Annalisa Muroli, figli di Salvatore, pioniere dei centri commerciali nell’area vesuviana; e ancora, con Michele Piccolo, titolare della catena dei supermercati che porta il suo cognome e con il quale lavora già da tempo il figlio Raffaele; infine, con Natale Porritiello e il figlio Luigi, titolari della Porritiello Rame e Acciaio dal 1934, artigiani che diffondono con passione nel mondo la più antica tra le arti anastasiane.

 

 

NESSUN COMMENTO

RISPONDI