Sant’Anastasia,  tableaux vivants da Caravaggio in scena il giorno di Santo Stefano...

Sant’Anastasia,  tableaux vivants da Caravaggio in scena il giorno di Santo Stefano a Santa Maria La Nova

SHARE
Caravaggio, un particolare da "L'adorazione dei pastori

L’associazione «La Via della Bellezza» regala alla città una rappresentazione unica con la tecnica settecentesca dei tableaux vivant (quadri viventi): le opere di Michelangelo Merisi vivranno davanti agli occhi degli spettatori con scene rese ancora più struggenti dalla musica di sottofondo.

L’appuntamento è per le 19 di lunedì 26 dicembre alla parrocchia Santa Maria La Nova di Sant’Anastasia, con un’iniziativa dell’associazione La Via della Bellezza che, a settembre scorso, ha trasformato il centro storico di Sant’Anastasia in un percorso culturale di poesia, arte, danza e musica e che, ritenendo di dover valorizzare appunto la bellezza in tutte le sue forme, per le festività 2016 regalerà alla cittadina vesuviana una performance che tanto successo ha riscosso – per fare solo un esempio – al Museo Diocesano di Napoli.

Le splendide opere del Caravaggio prenderanno vita dinanzi agli occhi degli spettatori ma, prima ancora, l’introduzione della imperdibile serata sarà affidata a Mariano Marmo, medico e giornalista pubblicista, autore del saggio «Caravaggio, ho scritto il mio nome nel sangue», oltre a numerose altre pubblicazioni scientifiche, storiche e divulgative. Nell’opera, l’autore segue le tracce del genio Caravaggio da Roma a Napoli, a Malta e in Sicilia, sottolineando le innumerevoli domande ancora senza risposta che fanno della vita e della morte di Michelangelo Merisi un enigma storico sullo sfondo dell’Italia del ‘600.

L’associazione La Via della Bellezza (il presidente è Emilio Donnarumma e tantissimi sono gli anastasiani che vi hanno aderito con entusiasmo e voglia di riscatto) ha una missione: rendere il bello fruibile a ciascun cittadino, implementare un laboratorio culturale ed artistico sul territorio che avrà luogo nella Congrega di piazza Trivio risalente alla metà del ‘500 e arricchita da un bellissimo affresco già quasi riportato interamente alla luce. La Congrega necessita al momento di un lavoro di restauro che richiede un importante impegno economico per poter diventare – come è nelle intenzioni – una fucina di idee e un presidio permanente di bellezza.

NESSUN COMMENTO