Home Cronaca Avvenimenti Somma Vesuviana, da domani a domenica la Festa dell’Unità in piazza, arrivano...

Somma Vesuviana, da domani a domenica la Festa dell’Unità in piazza, arrivano Orfini e Cantone

387
0
CONDIVIDI

 «Tessere» è il tema della quarta Festa dell’Unità organizzata dai Giovani Democratici di Napoli. «Se il vostro pensiero è andato ai rettangolini di carta, avete un problema». Parola dei GD che hanno scelto l’infinito del verbo «tessere» come filo conduttore, nel senso di «ricucire». E la location prescelta, stavolta non Napoli ma la provincia e segnatamente Somma Vesuviana, la dice lunga sulle intenzioni. Già perché a Somma, reduce da una difficile tornata amministrativa terminata con l’elezione del sindaco Salvatore Di Sarno (civiche più Udc, Verdi e Psi), il Pd non ha presentato la lista e non è dunque rappresentato in consiglio comunale. Una scelta arrivata dopo il forfait del candidato indicato, il medico Giuseppe Bianco, che denunciò poi – era maggio scorso – minacce e pressioni. Ora il Pd scenderà in piazza Vittorio Emanuele III da domani fino a domenica, con l’intenzione di «cucire a filo doppio» i rapporti con la società, le associazioni e i territori.

«Abbiamo deciso di portare il dibattito politico in un luogo duramente colpito dall’incendio del Vesuvio e che ha visto l’assenza del simbolo di partito alle scorse amministrative»- è la mission degli organizzatori. Una tre giorni di iniziative, discussioni e confronto con ospiti di rilievo nello scenario politico nazionale «per tessere una nuova trama per la politica della Città Metropolitana». Domani si inizia alle 16, 30: ad aprire la festa ci saranno Ilaria Esposito (segretario Gd Napoli), Francesca Scarpato (Segretario Gd Campania), il segretario napoletano Venanzio Carpentieri, la segretaria regionale Assunta Tartaglione, il segretario del circolo di Somma Vesuviana Giuseppe Auriemma, ma anche il sindaco della città Salvatore Di Sarno e il presidente del Parco Nazionale del Vesuvio, Agostino Casillo. Alle 17, 30 per il tema «tessere la legalità», Ottavio Ragone intervista il presidente dell’Anac Raffaele Cantone e, alle 19, arriverà in città il presidente del PD Matteo Orfini che, per «tessere il partito», sarà intervistato da Enzo D’Errico. In serata, la festa continua con live music e GDj set. Tavoli tematici previsti dalle 16 di sabato quando, per «tessere le proposte» e i saluti di Mattia Zunino, segretario nazionale Gd, arriveranno tutti i consiglieri regionali campani (Amato, Casillo, Ciaramella, Daniele, Fiola, Marciano, Marrazzo, Raia, Topo); alle 19 Giuseppe Cozzolino, coordinatore segretaria Gd Napoli, modera «Tessere lo sviluppo imprenditoriale nella Città Metropolitana» con Leonardo Impegno, Dario Scalella, la presidente Federcostruttori Federica Brancaccio. Alle 21, 30 via alle tradizioni locali con il gruppo folk «Zì Riccardo e le donne della Tammorra». Si chiude domenica, con eventi fin dal mattino: alle 10, 30 «Ricucire i rapporti tra istituzioni e territorio» e la presenza di Teresa Armato, Ciro Buonajuto, Massimiliano Manfredi e Valeria Valente; alle 17, 30 «Ricucire l’accoglienza», con i saluti del vicesegretario nazionale Gd Pasquale Stellato, e gli interventi di Gennaro Migliore, Pina Picierno, Ibrahim Coulibaly (presidente associazione Mandè), Pier Emilio d’Agostino (campagna Ero Straniero), Salvatore Esposito (presidente rete Mediterraneo Sociale), don Francesco Riccio (direttore regionale Pastorale Giovanile), modera Mario Viglietti, responsabile immigrazione Gd Napoli. Alle 19, Gino Cimmino, Andrea Cozzolino e Marco Sarracino discuteranno di «Ricucire il Pd a Napoli e in Campania», prima di lasciare la scena alla musica e all’ironia dell’ultimo ospite musicale: Tony Tammaro.