Home Politica Somma Vesuviana, variazioni al bilancio per la manutenzione di strade e plessi...

Somma Vesuviana, variazioni al bilancio per la manutenzione di strade e plessi scolastici

1291
0
CONDIVIDI
Raffaele Irollo, assessore al bilancio della giunta Di Sarno

Approvata, nel consiglio comunale di ieri (lunedì 31 luglio, ndr) la salvaguardia degli equilibri di bilancio e la variazione di assestamento generale. Quattordici i voti favorevoli (era assente il consigliere Salvatore Esposito) e nove i contrari con tutta la minoranza in aula.

Debutto in aula per l’assessore al bilancio, Raffaele Irollo, che ha illustrato la proposta inerente la salvaguardia degli equilibri di bilancio e spiegato che il Dup (documento unico di programmazione) sarà presto approvato, sollecitando il contributo di tutti (sindaco, giunta, consiglio) alla fase di programmazione.

Ora, il bilancio di un ente ha, come previsto dalla legge, due documenti fondamentali: il bilancio di previsione e il consuntivo. La differenza è nella funzione: il bilancio di previsione serve ad autorizzare, ad ogni inizio anno, le spese che i singoli assessorati potranno sostenere e garantire le adeguate coperture finanziarie tramite la programmazione delle entrate; il consuntivo (o rendiconto di gestione) serve a certificare, a fine anno, le entrate e le spese effettivamente sostenute. L’assestamento votato ieri, competenza del consiglio comunale – unico organo deputato ad approvare eventuali variazioni in aumento o diminuzione prestando attenzione agli equilibri di bilancio- è appunto un’operazione contabile che modifica voci di entrata o di spesa rispetto a quanto dichiarato nel documento di previsione.

Irollo ha precisato che gli equilibri sono salvaguardati con le variazioni e che dunque non sono necessari ulteriori provvedimenti. Pochi gli interventi in aula, anche perché sia il bilancio di previsione, sia il consuntivo sono quelli approvati dalla gestione commissariale.  Due, comunque, le criticità cui ha fatto riferimento l’assessore: l’enorme lentezza delle procedure amministrative per la riscossione dei tributi (affidata alla Geset) e la necessità di riscuotere al più presto somme anticipate dall’Ente e riferibili a due opere pubbliche, il complesso monumentale di San Domenico e il parcheggio dietro le Torri. Oltre ad anticipare che presto i consiglieri saranno chiamati a riconoscere debiti fuori bilancio cospicui inerenti contenziosi.

Giuseppe Nocerino

Sono intervenuti in aula, annunciando il voto contrario alla proposta, i consiglieri di opposizione Vincenzo Piscitelli (Allocca per Somma), Antonio Granato (Forza Italia) e Pasquale Piccolo (L’Aurora). Piccole frizioni in aula tra Piscitelli e il consigliere di maggioranza Giuseppe Nocerino (Siamo Sommesi), ex delegato al bilancio nell’amministrazione dell’ex sindaco Piccolo, quando il consigliere di minoranza ha ricordato che fino a qualche mese fa la delega al bilancio era di Nocerino e come dunque apparisse strana la netta linea di divisione che si vorrebbe mettere tra la gestione attuale in merito e quella precedente.

«Mi spiace confermare l’impreparazione abissale che traspare da certi interventi- ha poi commentato Nocerino – non è questo il momento di spiegare perché l’amministrazione Piccolo sia terminata in anticipo ma di certo, quando la delega al bilancio era mia, ho semplicemente esposto in consiglio comunale ciò che mi arrivava dalle politiche di gestione e dalle attività degli assessori, dei responsabili finanziari e dal sindaco. Ne vado fiero e credo mi si debba dare atto di aver svolto un lavoro certosino».

Nell’intervento del consigliere Nocerino, si è sottolineato che le variazioni di bilancio riguardano, tra le altre cose, la manutenzione delle strade, il rifacimento della segnaletica orizzontale e la sistemazione dei plessi scolastici, oltre allo stanziamento di 15mila euro che servirà per istituire l’ufficio stampa dell’ente.

«Questo comune – ha aggiunto Nocerino –  oggi può finalmente liberare risorse ed è necessario approvare quanto prima il Dup. Mi auguro che con una maggioranza compatta e coesa, con la guida del sindaco e una buona amministrazione, potremo votare il bilancio di previsione entro il 31 dicembre 2017: ciò ci consentirà di utilizzare agevolazioni previste dalla Finanziaria e di ricorrere a consulenze. Perciò il nostro bilancio va portato quanto prima in consiglio comunale, attuando ciò che è scritto nel nostro programma di governo».