CONDIVIDI
Terza edizione del Premio Amato Lamberti

La Commissione Scientifica è pronta a selezionare gli elaborati migliori. L’invito è rivolto ai giovani, motori fondamentali del cambiamento. Per concorrere, i lavori proposti dovranno seguire i temi della criminalità organizzata, dei traffici criminali, della corruzione e delle economie illegali.

Anche quest’anno l’Associazione dedicata al Sociologo che durante la sua carriera ha lottato contro ogni forma di crimine organizzato, presenta il Premio Nazionale Amato Lamberti. L’evento, che ha raggiunto la sua terza edizione, ha sempre l’importante scopo di spronare i giovani nel loro percorso di studi, nello specifico verranno premiati coloro che hanno impegnato il loro tempo analizzando i fenomeni che impediscono lo sviluppo e il benessere collettivo. Potranno partecipare coloro che hanno realizzato una tesi di Laurea Magistrale o una tesi di Dottorato che riguardino i temi della criminalità organizzata, dei traffici criminali, della corruzione e delle economie illegali. La ricerca resta uno dei fattori più importanti per comprendere appieno i fenomeni di devianza sociale e per trarre metodologie nuove utili alla realizzazione di politiche di contrasto. “Solo i giovani possono dare nuova voce alla voglia di legalità delle nostre terre” scriveva Amato Lamberti, ed è dalla prima edizione che, fedele a questo motto, il Premio intende incentivare quei giovani studiosi impegnati nella realizzazione di efficaci elaborati volti a fotografare l’attuale condizione dei fenomeni in oggetto. Il lavoro dei giovani, la loro volontà di cambiare in meglio le cose, la loro dedizione, erano per Amato Lamberti elementi preziosissimi per ottenere davvero risultati soddisfacenti. Con questo spirito il Premio intende favorire maggiore visibilità e un concreto sostegno a tutti i giovani ricercatori e ai loro importanti contributi scientifici. Di seguito il regolamento ufficiale:

Premio Nazionale Amato Lamberti

L’Associazione Amato Lamberti bandisce un concorso per l’assegnazione di due premi (da 1000.00 euro cadauno) rispettivamente per una tesi di Laurea Magistrale e per una tesi di Dottorato che riguardino i temi della criminalità organizzata, dei traffici criminali, della corruzione e delle economie illegali.

Potranno essere proposti lavori di tesi di laurea di Vecchio Ordinamento, Laurea Specialistica (o Magistrale) e di Dottorato, elaborati in qualsiasi università italiana o, per livelli equipollenti, estera. I partecipanti dovranno far pervenire entro il 31 maggio 2016 (fa fede il timbro postale) l’elaborato in duplice copia cartacea a ASSOCIAZIONE AMATO LAMBERTI, presso Dipartimento di Scienze sociali, vico Monte della Pietà 1, Napoli, attraverso una raccomandata postale con ricevuta di ritorno, oppure in formato PDF tramite e-mail all’indirizzo associazioneamatolamberti@gmail.com specificando che l’opera concorre al “Premio Nazionale Amato Lamberti”.

Il lavoro controfirmato con nome e cognome dell’autore dovrà essere accompagnato da una documentazione in cui saranno riportate le seguenti informazioni:

i) Identificazione dell’autore (nome e cognome, recapiti telefonici, e-mail) e data.

ii) Domicilio e numero di Carta di Identità o passaporto o qualsiasi altro documento ufficiale di identificazione.

iii) Dichiarazione del carattere originale dell’opera che si presenta.

iv) Dichiarazione della piena titolarità dei diritti dell’opera da parte dell’autore.

v) Dichiarazione di accettazione da parte dell’autore di tutte le condizioni stabilite dal Premio Amato Lamberti.

L’Associazione Amato Lamberti terrà informati i partecipanti attraverso comunicati stampa e social fan page.

La partecipazione al concorso implica l’accettazione delle seguenti condizioni:

  1. L’assenso del partecipante alla divulgazione dell’opera presentata, qualora essa risulti vincitrice o finalista del Premio.
  2. La garanzia da parte del partecipante, che solleva da qualsiasi responsabilità l’Associazione Amato Lamberti, della titolarità e originalità dell’opera presentata e inoltre che essa non sia copia o modificazione totale o parziale di altra opera propria o altrui.

La presentazione dell’opera di per sé garantisce l’impegno da parte dell’autore a non ritirarla dal concorso. Il conferimento del Premio sarà deliberato dalla Commissione Scientifica, presieduta dal Dott. Franco Roberti, Procuratore Nazione Antimafia.

Dott. Nino Daniele, Assessore alla cultura del Comune di Napoli

Prof. Enrica Amaturo, Università Federico II

Prof. Gabriella Gribaudi, Università Federico II

Prof. Giuseppe Acocella, Università Federico II

Prof. Luciano Brancaccio, Università Federico II

Prof. Annamaria Zaccaria, Università Federico II

Prof. Isaia Sales, Università Suor Orsola Benincasa

Dott. Arnaldo Capezzuto, Giornalista

La proclamazione del vincitore e la consegna del premio avverranno in seduta pubblica nella Sala della Giunta di Palazzo San Giacomo, alla data che verrà comunicata successivamente.