Home La natura nel golfo Un ritratto dallo spazio per il Vesuvio

Un ritratto dallo spazio per il Vesuvio

CONDIVIDI

Lo “sterminator Vesevo” ormai ci avrà fatto l’abitudine. Da secoli viene immortalato prima nei dipinti e oggi da milioni di turisti che vogliono portare a casa uno scatto del profilo del Vesuvio. Ma stavolta si tratta di una “cartolina” speciale: un ritratto che viene dallo spazio.

Napoli, il golfo e il Vesuvio – con tanto di nuvolette di passaggio – sono stati fotografati da 800 chilometri d’altezza, da una delle sentinelle del nostro pianeta: Sentinel-2B. Un satellite lanciato poco più di tre mesi fa dalla base europea di Kourou, nella Guyana Francese, per il programma europeo Copernicus, promosso dall’Agenzia Spaziale Europea e dalla Commissione Europea.

Sentinel-2B ha scelto così uno dei luoghi più suggestivi della nostra penisola per scattare una  delle prime fotografie realizzate grazie a un nuovo sistema che sfrutta “un’autostrada laser” per trasmettere i dati a terra in modo praticamente istantaneo. Una capacità unica e soprattutto fondamentale, non per ottenere fantastiche “cartoline” dall’alto, ma per gestire disastri ambientali, come alluvioni e terremoti.

Il nuovo sistema si chiama European Data Relay System (Edrs) e prevede la collaborazione tra Sentinel-2B e il sofisticato satellite europeo per le telecomunicazioni Alphasat. Sentinel-2B, infatti, può inviare i dati a Terra solo quando sorvola la sua base in Europa, mentre i satelliti geostazionari come Alphasat, che orbitano a 36.000 chilometri di altezza, possono comunicare con le loro stazioni di terra in maniera continuativa.

Con il sistema di comunicazione laser, invece, ottenere le immagini realizzate da Sentinel-2B sarà facilissimo: Sentinel-2B scatta la foto e via laser la invia ad Alphasat, che la invia a Terra con lo stesso sistema. Basterà davvero solo un click.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here