Home No me toques la pelota Vincere e soffrire, questione di carattere: quello che serve al Napoli in...

Vincere e soffrire, questione di carattere: quello che serve al Napoli in questa fase

1103
0
CONDIVIDI

Gli azzurri battono l’Empoli in trasferta con qualche difficoltà. Ma anche Juventus e Roma non brillano

Juventus, Roma e Napoli conquistano tre vittorie faticose, ma fanno un significativo passo avanti rispetto a Lazio e Inter, che addirittura si fermano. Sarà un caso, ma le prime tre del campionato si prendono i tre punti con qualche patema di troppo: il Napoli (che è la squadra di cui si scrive in questa rubrica) fa tre gol nel primo tempo contro l’Empoli e poi rischia la clamorosa rimonta, soffrendo fino agli ultimi minuti.

Immaginando che si possa trattare delle prime avvisaglie di una stanchezza possibile (o, nel caso della Juventus, di uno stato psicologico che inevitabilmente rende più importante la partita di Champions col Barcellona che una di un campionato già vinto), resta da capire quali fattori esterni potrebbero aiutare o penalizzare gli azzurri nella rincorsa al secondo posto e quindi all’accesso diretto in Champion’s League. Stringi stringi dovrebbero essere due: il carattere e la sorte. La seconda ci è potenzialmente avversa: il calendario favorisce la Roma, se non altro perché il Napoli deve ancora incontrare Juventus e Inter. Salvo scivoloni dei giallorossi, l’andamento delle giornate potrebbe aiutarli. E poi la differenza reti negli scontri diretti mette la Roma sopra il Napoli anche in caso di parità di punti a fine stagione.

Resta da aggrapparsi al carattere, alla capacità di vincerle tutte con la forza dei nervi laddove non ci si arriva col gioco e la tecnica, alla bravura nel gestire la sofferenza, più o meno come è avvenuto ieri ad Empoli. Riuscirci non è facile e, comunque, anche se dovesse arrivare il terzo posto sarebbe un successo: chi lo avrebbe mai pronosticato con un Pipita in meno?