Home Generali Volla, cambio della guardia nel coordinamento dei “Fratelli d’Italia”

Volla, cambio della guardia nel coordinamento dei “Fratelli d’Italia”

1959
0
CONDIVIDI

Dopo l’addio prematuro di Viscovo & Co dai posti di comando di Via Aldo Moro (anzi, sembra un arrivederci al prossimo turno ndr), tra i futuri protagonisti del centro destra vollese ci sarà sicuramente “Fratelli d’Italia”.

Le varie compagini politiche territoriali si stanno riorganizzando in funzione della prossima disfida elettorale.

Con una foto e con una riunione di qualche giorno fa, il 15 maggio u.s., i rappresentanti locali del partito di Giorgia Meloni e di Ignazio La Russa hanno lanciato la loro ufficiale candidatura per Volla.

La foto, apparsa giorni fa su Facebook, che ritrae quattro dei massimi esponenti locali del partito in un atteggiamento simil film americano, ha una dicitura poco equivocabile: “Noi ci Siamo”.

La riunione è servita ad analizzare e cercato di individuare “… le motivazioni e cause che hanno portato alla caduta dell’amministrazione Viscovo …”. Il gruppo dirigente, poi ha affrontato le molteplici sfaccettature dei “…bisogni dei cittadini e delle problematiche irrisolte del territorio vollese, iniziando così a tracciare le linee guida del programma politico da presentare alle prossime elezioni …”

Infine, i “Fratelli d’Italia/Alleanza Nazionale” Vollesi hano cambiato il loro coordinatore cittadino.

Giuseppe Annone, già assessore della giunta Ricci e consigliere di opposizione dell’amministrazione Guadagno, che “voci di marciapiede” danno come uno dei probabili futuri candidati a Sindaco del centro destra vollese, ha lasciato il posto ad Antonio Rea, il quale da neo coordinatore ha fatto sapere di aver già definito due significativi obiettivi immediati: L’apertura della nuova sede e il coinvolgimento politico dei giovani.

Obiettivi immediati a parte, ai Vollesi non resta che aspettare di conoscere il punto di vista di “Fratelli D’Italia” su quali siano state le analisi della caduta del “governo Viscovo” e, soprattutto, a quali scenari di alleanze future essi si apriranno, per la guida amministrativa e politica del paese.