Home Politica Volla. Convegno del Movimento 5 Stelle: “Polveri Sottili, i Veleni Invisibili”

Volla. Convegno del Movimento 5 Stelle: “Polveri Sottili, i Veleni Invisibili”

143
0
CONDIVIDI

  

Venerdì  6 Ottobre ore 18,00 al Teatro Maria Aprea presso l’accademia musicale “Giuseppe Verdi” il Movimento 5 Stelle di Volla ha organizzato un convegno sull’ambiente, per affrontare l’angosciante problematica  relativa  alla qualità dell’aria che respiriamo.  

L’ambiente in tutte le sue tematiche ed espressioni è una stella del movimento, ossia uno dei 5 punti  che i penta stellati mettono al centro del loro programma.  In questo convegno questa volta l’attenzione è stata verso la qualità dell’aria e verso la decodificazione dei dati dei rilevatori di polveri sottili. Tutto nasce da un lavoro di sinergia tra i cittadini portavoce all’interno delle istituzioni e gli attivisti sul territorio. In Regione Campania la portavoce Mari Muscarà  con costanza  e determinazione dall’inizio del suo insediamento ha  sollecitato continuamente fino a  pretendere che l’ente A.R.P.A.C  (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale in Campania) pubblicasse i dati dei rilevatori delle polveri sottili, che per alcune postazioni risultavano spesso non pervenuti. Dai dati si evincono  numerosi  superamenti  rispetto alla soglia massima tollerabile. Se il materiale particolato è costituito da particelle con un diametro inferiore ai 10 μm si parla di “polveri sottili”, indicate con la sigla PM10 (dove PM è l’acronimo inglese di Particulate Matter).

I dati inerenti al paese di Volla, analizzati e riportati nell’intervento del fisico Schiattarella, rivelano che già a settembre  ci sono stati 44 sforamenti, rispetto ai 35 consentiti annuali.

L’argomento interessante legato ad uno stato di attenzione notevole è stato analizzato e spiegato, in una sala gremita di persone, da medici e esperti  del settore.  Ha moderato gli interventi un egregio Francesco Gravetti (Redattore “Comunicare il Sociale” – Giornalista “Il Mediano.com”). Ad aprire Il dibattito è stato il portavoce  alla camera dei Deputati Salvatore Micillo (M5S) che, con carisma e concretezza, ha esposto un quadro generale  delle attività e delle problematiche ambientali che il Movimento  5  Stelle affronta con persistenza da sempre. A seguire, il Dottor Gennaro Esposito (Presidente dell’ISDE Nola – Acerra – Medici per l’Ambiente) ha allargato l’attenzione sull’effetto che le polveri sottili hanno sulla salute umana.  Poi l’intervento di  Carlo Schiattarella (Perito Fisico – Specializzato in Fisica Nucleare) che con una meticolosa analisi ha reso comprensibili i dati dei rilevatori. Dopo di che lo stesso Schiattarella ha reso prezioso e utile il suo intervento dando indirizzi sia ai cittadini che agli amministratori. Poi la volta di Sergio Vaccaro (M5S Comune di Volla) che ha spiegato l’attività svolta  insieme al suo gruppo locale sul tema ambiente in questi anni di attivismo e nel breve periodo di consiliatura. Ha spiegato di aver richiesto e fatto approvare l’istituzione di una commissione Ambientale, sullo stato di salute dei cittadini, mortalità e nessi causali. Poi ha spiegato proprio in virtù degli sforamenti illustrati dagli esperti  l’esigenza della segnalazione fatta al commissario prefettizio del comune di Volla. Inoltre ha annunciato di aver richiesto al commissario dell’ ARPAC (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale in Campania) un incontro finalizzato all’istallazione ufficiale di una centralina mobile per la rilevazione dei livelli di polveri nell’aria. Subito dopo il Presidente dell’associazione “Let’s do it – Italy” (Organizzazione no-profit rivolta alla tutela dell’ambiente), ha sottolineato il ruolo dei cittadini e dei volontari nel recupero dei rifiuti e nella denuncia dei roghi. Capasso ha inoltre messo in risalto anche l’impatto che i roghi tossici hanno sulle polveri sottili. Un quadro davvero preoccupante e oscuro al quale ha dato un tocco di colore e luce proponendo ai cittadini le buone pratiche da intraprendere. A concludere, è stato Gennaro Saiello (M5S, Regione Campania) che ha elencato le azioni difensive e gli indirizzi politici a cui sta lavorando in Regione Campania.

L’aria che respiriamo non ha perimetro e non ha confini, quindi è chiarissimo che il convegno non ha evidenziato un problema ristretto solo al territorio di Volla, ma i dati analizzati hanno indicato un’emergenza che abbraccia gran parte del territorio campano.

Un dato di fatto importante è che il territorio vollese viene penalizzato dalla sua conformazione geografica a conca. Questa caratteristica geografica consiste in una  depressione della superficie terrestre a versanti rialzati, pertanto le polveri sottili arrivano con i venti dai paesi limitrofi e calandosi sul territorio non vengono spazzati via dalle correnti.

Un lavoro di sinergia a tutti i livelli istituzionali fatto dal movimento 5 stelle, che insieme ad esperti ha raggiunto gli obbiettivi prefissati: Sensibilizzare su questo fenomeno che incide pesantemente sulla salute dei cittadini; Educare, dando consigli e buone pratiche da eseguire; Informare sugli  indirizzi politici e azioni di contrasto.

Sembra evidente che il lavoro portato avanti con costanza dal Movimento 5 Stelle non si concluderà con il convegno. A breve l’incontro con il commissario dell’ARPAC.

In effetti non ci resta che attendere, con il fiato sospeso, purtroppo!

Una cosa è certa, nel frattempo a noi cittadini: Ci manca l’aria, quella buona!